Strategie Parallele e Cicli di Vita

Posted on by Luca in Family Business, Governance

parallele

Azienda e Famiglia. Oggi scherzando ma neanche tanto, un imprenditore mi chiedeva quanti suoi colleghi conosco capaci di lavorare efficacemente sullo sviluppo sia dell’impresa che della famiglia. E ho ripensato a quanto sia importante accompagnare contemporaneamente l’impresa e la famiglia. Un coordinamento di sforzi tra sistemi che si sostengono a vicenda.

Ma Famiglia ed Impresa sono spesso anche sistemi in competizione tra di loro, in competizione per l’attenzione le energie e la passione di chi li guida.

Quando un giovane imprenditore o imprenditrice, o più spesso una coppia comincia la sua avventura d’impresa spesso ha l’età giusta per fare figli o per averli fatti da poco. La pressione che mette una start up, una nuova iniziativa, rischia di impedire di avere il tempo e l’attenzione per prendersi cura della famiglia. Spesso ci si affida al coniuge o a nonni e tate, e la delega tanto faticosa da concedere in azienda è molto facilmente concessa in casa. Con il rischio però di pagare conti salati in termini relazionali più avanti nello sviluppo della famiglia.

Quando poi l’azienda si sviluppa e comincia a generare risultati economici la famiglia cresce nelle sue esigenze e comincia a chiedere dividendi. Non necessariamente solo per consumi, pensiamo agli specifici investimenti che una famiglia potrebbe voler fare sulla formazione dei propri figli. E un percorso universitario a livello internazionale può costare come un buon macchinario per la produzione.

L’ideale è che un sistema abbia le eccedenze di risorse per sostenere i bisogni dell’altro. Molto più spesso però  non è così. Questo è il motivo per cui non possiamo sviluppare le strategie di una impresa di famiglia senza tener conto delle volontà e delle esigenze della famiglia. Dobbiamo preoccuparci allora di creare un ciclo integrato di confronto famiglia e impresa, più di quanto siamo abituati a fare, dando per scontato il coinvolgimento dei familiari negli impegni e nei rischi che la gestione d’impresa richiede.

Nè possiamo pensare ad impegni in azienda, sia in termini economici e di rischio, sia in termini di tempo ed energie, senza farci carico degli impatti che questi hanno sul sistema familiare e sulle singole persone che lo compongono.

Questo vuol dire imparare a proporre una riflessione strategica che va sviluppata in parallelo. Da una parte l’azienda e dall’altra la famiglia. Riunioni e confronti in famiglia per condividere quali sono gli impegni che si vogliono prendere nell’impresa e riunioni e confronti in impresa capaci di mettere sul tavolo scenari di sviluppo tra i quali gli imprenditori e la loro famiglia possano trovare lo sviluppo integrato più efficace.

Si può cominciare dall’impresa o si può cominciare dalla famiglia. Ma lo si deve fare con l’attenzione e gli strumenti che sono proprio dell’impresa da una parte e della famiglia dall’altra. Soprattutto si deve aver il coraggio e la capacità di saper mettere sul tavolo la sfida dello slalom parallelo.

Commenti

commenti