Snellire, Snellire, Snellire. Lettera aperta al Presidente Monti

Posted on by Luca in Società

Egregio Presidente Monti,

quello che Lei ha fatto in questi mesi è sotto gli occhi di tutti, in Italia e all’estero.
I segnali di apprezzamento e di incoraggiamento che sta ricevendo credo siano il migliore viatico per rimettere il nostro paese sulla strada dell’efficienza e della sostenibilità. Finalmente, come ha detto Lei a Bruxelles si comincia a parlare di altro e non di crisi.

Sperando di farLe cosa gradita, Le segnalo però una piccola esperienza personale che spero possa aiutarla ed aiutarci a lavorare per uscire veramente dalla crisi.

Torno a casa e trovo una lettera del mio comune gonfia di carte. E’ il cud 2012 per i redditi 2011. I gettoni di presenza al consiglio di amministrazione del locale museo civico mi hanno infatti fatto guadagnare la bella cifra di 39,86 euro lordi su cui ovviamente sono stati calcolati tutti gli importi delle relative imposizioni per un ammontare di circa 9 euro. Ci vorrebbe la penna di Stella per rendere divertente questa tragicomica esperienza.

Non sono (solo) le tasse il problema di questo paese. Il problema è il peso di un sistema che anche quando, come in questo caso, non ha dato nessuna noia e nessun grattacapo al cittadino, costa più di quanto produce.

E’ quasi ovvio pensare a come sia necessario definire dei livelli minimi di transazioni al di sotto delle quali non ha senso alcuno sprecare risorse ed energie. Il ragionier Ziggiotti, il mitico direttore amministrativo della Zanussi in cui facevo i miei primi passi mi aveva colpito con il suo buon senso tanti anni fa, prima di qualunque teoria di activity based costing: non si autorizzano fatture al di sotto delle 150 mila lire. I costi amministrativi sarebbero stati superiori al margine dell’azienda.

Se l’economia di cui Lei è professore è il buon governo della casa, La prego, ci aiuti a liberare questa casa da tutte le carte e le pastoie che rendono impossibile guardare fuori dalla finestra. Fiducioso Le auguro buon lavoro.

Commenti

commenti