Prima di tutto, Ascoltare

Posted on by Luca in Senza categoria

5168279281_3454a4bc19

il saper ascoltare bene è il punto di partenza per vivere secondo il bene
- Plutarco

Una comunicazione ed una relazione efficace nascono dall’atto dell’ascoltare, del metterci nella condizione fisica ma soprattutto mentale, di apertura ad accogliere il messaggio dell’altro. E’ con l’ascolto infatti che riconosciamo l’altro e che entriamo in relazione con lui.

Se pensiamo alle relazioni con il concetto di conto corrente emozionale, l’atto di ascoltare, di Dare Ascolto, diventa una delle modalità più forti per fare versamenti emozionali nel cuore dell’altro.

L’educazione all’ascolto però è spesso lacunosa, siamo portati a pensare che basti porci un una condizione di silenzio per ascoltare ma sappiamo tutti che non è vero.
Mentre l’altro parla, se non ci si impegna a fondo, dentro di noi c’è un dialogo attivo in cui ci diciamo che siamo d’accordo o meno, valutiamo e giudichiamo o interpretiamo quello che sentiamo.

E’ per questo che in alcune tradizioni degli indiani d’America c’è il bastone della parola. Parla solo la persona che tiene in mano il bastone, fino a quando non ha finito e lo cede a chi ne fa richiesta. Ma prima di parlare chi lo riceve deve riformulare quello che ha compreso, altrimenti il bastone torna a chi glielo ha ceduto perché possa spiegarsi meglio.

L’ascoltare è così a tutto tondo che l’ideogramma cinese che lo rappresenta è la combinazione delle parole orecchio, alterità, cuore, unità ed occhio.

Ascoltare diventa quindi un atto creativo, tanto in quanto ci apriamo all’altro e gli  permettiamo di influenzarci. Questo è il motivo per cui riusciamo ad ascoltare solo quando siamo solidi personalmente, siamo disposti a metterci in gioco e non siamo così insicuri da essere rigidi nelle nostre posizioni.

E allo stesso tempo, per chiudere con Plutarco, ascoltare con attenzione  e ripetutamente vuol dire ob-audire… ascoltare tanto da mettersi nella dimensione della obbedienza.
E quindi diventa importante aiutare i più giovani che si stanno formando ad avere gli strumenti per valutare chi ascoltare e da chi farsi influenzare.

Commenti

commenti

Tag:,