Confronti Familiari

Posted on by Luca in Senza categoria

4650881709_bae27cf578.jpg

Se fossimo sempre d’accordo uno di noi due sarebbe di troppo, dice il vecchio adagio.

Quando gestite il confronto in azienda state svolgendo una delle attività più importanti perché state integrando stimoli diversi verso un obiettivo condiviso. Con ragione Patrick Lencioni parla del Confronto Efficace come una posizione intermedia tra l’Armonia Artificiale e il Conflitto Distruttivo. Da una parte viviamo un falso senso di tranquillità solo perché non affrontiamo esplicitamente i confronti, dall’altra siamo coinvolti in una aggressività tale da fare di ogni contrapposizione una lotta esasperata. E spesso, se non impariamo a gestire il confronto, il problema è proprio quello di passare come un pendolo da un limite all’altro.

Ancor più complessa la situazione se nella dinamica lavorativa siete coinvolti come famiglia. Non importa se cerchiate di comportarvi in modo oggettivo e asettico, i vostri legami familiari rimangono parte integrante della dinamica lavorativa.
E allora abbiamo il confronto tra marito e moglie prima, tra padri e figli poi, tra fratelli e cugini via via allargando e rendendo più complessa la dinamica aziendale.

Ed ogni stadio richiede la sua particolare attenzione,  richiede una capacità di osservazione e di riflessione che non è così facile da avere quando siamo sotto la pressione del lavoro e quando siamo personalmente coinvolti.

E’ questo il motivo per cui è importante che abbiate qualcuno con cui confrontarvi e capace di agevolare il confronto tra parenti-colleghi.

Commenti

commenti